Il video in questo articolo contiene la registrazione del Seminario che ho tenuto domenica 16 giugno 2019 allo Scrivere Festival 2019 tenutosi a Macerata.

Questo evento, unico in Italia nel suo genere, permette agli autori di proporre il proprio libro a editori e agenzie letterarie tramite degli “speed date”. 

Inoltre è possibile partecipare a lezioni speciali.

La lezione del sabato è stata tenuta da Valentina Capecci, una delle più importanti sceneggiatrici televisive, in cui ha spiegato come scrivere trame appassionanti come film.

Il giorno dopo, ho tenuto io la lezione in cui ho svelato i 4 falsi miti sul marketing librario e sul perché gli autori non vendono come vorrebbero.

Circa cinquanta autori hanno seguito con interesse la mia lezione. 

La presentazione del mio intervento è stata fatta dall’ottima Christina Assoud, importante autrice marchigiana che ha pubblicato i suoi romanzi anche con grandi editori, come Rizzoli. 

La video-registrazione in questo articolo riguarda l’intera mia lezione, ad esclusione della sessione domande e risposte che è avvenuta dopo. 

Nella prima parte del video racconto la mia storia, evidenziando come grazie alla scrittura e all’applicazione di strategie efficaci di marketing librario sia riuscito a crearmi un lavoro indipendente. 

Il sogno di gran parte degli autori presenti, come credo di te che mi stai leggendo, credo sia proprio questo: vivere di scrittura.

Un sogno molto difficile da realizzare, soprattutto in Italia, dove è statisticamente difficoltoso vendere libri perché paradossalmente (e provocatoriamente) ci sono più scrittori che lettori. 

Infatti sono pubblicati ogni anno quasi cento mila nuovi titoli e da indagini ISTAT due persone su tre leggono meno di tre libri l’anno.

Questo mercato è quindi pericolosamente squilibrato. Infatti l’offerta è molto più grande rispetto alla domanda. 

Nel mio seminario ho quindi chiarito che è necessario un nuovo approccio mentale da parte degli autori, rivolto allo sviluppo serio di strategie di marketing librario che funzionano veramente. 

Ci sarebbe da dire che servirebbe anche un approccio mentale diverso da parte dei lettori e dal “sistema” che dovrebbero educare maggiormente le persone a leggere di più.

Si aprirebbe in questo caso un discorso molto ampio e per ora rimaniamo concentrati sull’autore e non sul lettore. 

Nella mia lezione spiego quali sono i 4 principali falsi miti che vanno sfatati per fare una promozione realmente efficace e che non sia un mero spreco di tempo, energia e soldi. 

Falso mito numero 1 = pubblichiamo e poi pensiamo al marketing 

Il primo falso mito da sfatare è che non basta pubblicare e poi promuoversi se prima non si è fatto un lavoro certosino nella progettazione degli elementi di vendita online del libro.

Partendo dal presupposto che alla base ci sia un testo ben scritto e interessante per un pubblico sufficientemente vasto, gli elementi di vendita da ottimizzare sono: il titolo, la copertina, la sinossi, la biografia, il prezzo, il sottotitolo, le parole chiave, le categorie.

Sbagliare la progettazione di solo uno di questi elementi può compromettere le vendite del libro in modo deleterio e subdolo.

Falso mito numero 2 = i piani di marketing standard funzionano! 

Il secondo falso mito riguarda il marketing da fare: non esiste un piano promozionale standard che può essere sviluppato da tutti gli autori allo stesso modo, ma serve sviluppare un piano di marketing personalizzato che si adegui all’autore e al libro. 

Solitamente gli autori fanno qualche presentazione, postano sui social il link del libro, fanno ogni tanto degli articoli, magari inviano un comunicato stampa e poi si ritrovano senza più idee, voglia di promuoversi e con risultati di vendita deludenti. 

Vendere un libro è come vendere qualsiasi altro prodotto del commercio: serve quindi un piano di marketing di lungo termine, almeno 9 mesi (deve nascere il bambino :-)) in cui si svilupperanno azioni calibrate sulla persona e sul tipo di libro. 

Infatti ci sono autori che non amano fare le presentazioni dal vivo, altri che non sanno muovere una foglia su internet.

Ad ognuno va proposto un piano percorribile, in base ai propri limiti e attitudini al marketing.

Il marketing è una disciplina così vasta e variegata che ci sono sempre soluzioni per ogni tipo di autore.

Bisogna poi sviluppare un piano che sia adeguato al libro. 

Ad esempio, per promuovere un thriller o una guida culturale ci vogliono strategie completamente diverse. 

Per questo bisogna formalizzare un piano personalizzato, di ampio respiro e che sia verosimilmente percorribile dall’autore. 

Falso mito numero 3 = l’email marketing non funziona!

Il terzo falso mito da sfatare è che l’email oramai non viene letta più da nessuno e quindi l’email marketing non è una strategia da adottare per vendere libri.

In verità l’email marketing è la strategia più potente tutt’oggi usata dalle più grandi aziende che operano online.

Sviluppare una strategia di email marketing per vendere il tuo libro è il migliore investimento promozionale che puoi fare sin da ora. 

Serve un sito web professionale, un autoresponder e una strategia di contenuti.

Se non sai come fare, possiamo farti noi questo lavoro tecnico in pochi giorni: richiedici pure un preventivo da questo link

Falso mito numero 4 = non si può innescare il passaparola in automatico 

L’ultimo falso mito che ho sfatato in questo seminario è quello che il passaparola non esiste più “com’era prima”.

Oggi è invece possibile, grazie a un sistema di email marketing e a un libro che contenga dei messaggi strategici al suo interno, innescare il passaparola automatico.

Guarda  il video perché ti illustrerà nel dettaglio come ciò sia possibile: sarà per te una lezione estremamente utile.

Alla fine del video scrivimi pure i tuoi commenti. Ti aspetto! 

Scarica Gratis le Risorse

Inserisci solo la Tua Email principale e clicca su pulsante "Scarica Subito" per scaricarle in pochi secondi (mentre sono ancora disponibili)

Privacy UE

You have Successfully Subscribed!

Pin It on Pinterest

Share This